Il grande racconto delle stelle di Piero Boitani, una travolgente overdose di cultura

di dispersioni

Boitani Il grande racconto delle stelle

E’ stato l’astrofisico Giovanni Bignami, in una breve recensione apparsa su Le Scienze, a definire la lettura del libro Il grande racconto delle stelle di Piero Boitani (il Mulino), come una travolgente esperienza di overdose di cultura. “Libro splendido e immenso, perfetto – ha scritto Pietro Citati sul Corriere – Boitani racconta tutto quello che è stato immaginato sulle stelle, i soli, le galassie, le lune: romanzi, poesie, musica, pittura, filosofia e astronomia…”

Indimenticabile e magnifica esperienza la lettura di questo grandioso libro che sin dalle primissime pagine si propone una ambiziosa finalità: raccontare la meraviglia della poesia del cosmo, illuminando così la relazione tra le arti e le scienze.

Scrive l’autore:

“Questo libro cerca la meraviglia di poeti, pittori, architetti e musicisti davanti alle stelle attraverso i secoli e i continenti del nostro pianeta. Esiste una ‘poesia del cosmo’ alla quale gli artisti, e gli scienziati, hanno dato voce e che essi hanno perseguito per millenni nelle loro opere”.

“Le scienze, devono essere coscienti che il loro impulso primo, le loro radici, affondano nello stesso principio che ispira l’artista e il filosofo: la meraviglia davanti alla bellezza del cosmo. E’ questo che può accordare una volta per tutte le due culture

isti3
Ebbene Il grande racconto delle stelle in oltre 500 pagine ricche di ben 256 illustrazioni, raggiunge l’obiettivo che si prefigge: in 27 capitoli dipana un racconto, sempre affascinante e coltissimo, che parte dall’inizio dell’umana avventura e giunge fino ai nostri giorni, attraversando continenti, culture, popoli, religioni, proponendo ad uno stupito lettore, una straordinaria antologia di testi, racconti, poesie, citazioni, riferimenti a miti e ad opere architettoniche, sculture e pitture, teorie scientifiche e astronomiche in primo luogo, riferimenti tutti sempre magnificamente letti ed interpretati dall’attento autore.

Una vera travolgente overdose di cultura, quindi, che conduce il lettore ad una più ampia ed attenta riflessione su cultura umanistica e cultura scientifica nella convinzione che “la poesia nasce, come la filosofia e la scienza, dalla meraviglia, e ha valore conoscitivo quanto le sue sorelle, sebbene persegua la conoscenza in maniera diversa da esse”.

Astronomo ottomano sec XVIII
Concludo il mio invito alla lettura di questo eccezionale libro proponendo dei brevi versi tratti dall’undicesimo capitolo, uno dei più belli, dedicato alla civiltà persiano-islamica, e dei quali è autore il poeta trecentesco ‘Ubbayd-i-Zakani:

Colui che costruì i cieli e fece le stelle
e forgiò la mente e l’anima e fece l’uomo
legò tutte le corde dell’essere in un nodo,
poi perse il filo della cosmica matassa.

Il poeta mistico persiano Rumi, vissuto nel XII secolo, in quella stessa anima forgiata vede riflessa l’immensità dei cieli sopra di noi:

“Nel regno dell’anima, si stendono cieli che reggono i cieli del nostro universo”.

De Chirico - Estasi - 1968

De Chirico – Estasi – 1968

Alfred Stevens - La Via Lattea -1885-1886

Alfred Stevens – La Via Lattea -1885-1886

  • La recensione di Pietro Citati dal Corriere della Sera del 5 ottobre 2012 >> qui
  • La recensione di Giovanni Bignami è stata pubblicata su Le Scienze del dicembre 2012
  • Le immagini sono tratte dalle illustrazioni al volume
Annunci